Ti trovi in:

Home » Territorio » Il paese di Brez » Brez in breve

Brez in breve

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Giovedì, 25 Giugno 2015

Il territorio del comune di Brez si trova nella parte alta della Val di Non, in quella zona che, dopo la formazione dell’invaso di santa Giustina, è comunemente chiamata “ Terza Sponda”, sulla destra orografica della Novella, tributaria di sinistra del Noce. 

Le coordinate geografiche che racchiudano il territorio comunale di Brez sono: 

  • a sud: 46°25’ di latitudine nord; 
  • a nord: 46° 35’ di latitudine nord; 
  • a ovest: 11° 03’ di longitudine est; 
  • a est: 11° 07’ di lo longitudine est. 

Tale territorio è delimitato a sud dalla Novella, che separa il territorio comunale di Brez da quelli di Fondo, Sarnonico e Seio, a ovest confina con i comuni di Cloz e Lauregno, quest’ultimo in provincia di Bolzano; a nord con Lauregno e Castelfondo, ad est con Castelfondo e Fondo. 
Nella sua massima estensione, da est a ovest, misura m. 5074 e la sua massima lunghezza da nord a sud è di m.10234. 
Il territorio catastale di Brez ha una superficie di 1897 ettari dei quali circa 760 sono coltivati, circa 280 sono classificati come sterili o improduttivi ed i rimanenti 860 sono coperti da boschi e pascoli. 
Ortograficamente tale territorio si presenta digradante con esposizione nord, nord-ovest e si passa dai circa m.1910 s.l.m. lungo la Novella a sud. 
In base al suo utilizzo il territorio comunale di Brez si può suddividere in tre parti. A sud c’è la zona coltivata intensivamente a frutteto ( golden delicious, stark delicious, renetta), fino a circa m.1000 s.l.m. nelle parti esposte a solatio; all’interno di questa quota ed al di sopra della stessa ormai poche sono le aree destinate alla produzione foraggiera, concentrate nella zona Maso Plaz e Forcola- Salobbi.. Le aziende operanti nel settore sono concentrate prevalentemente a Salobbi. 
In queste zone più elevate molti terreni che fino a circa trent’anni fa venivano falciati a mano sono ora lasciati incolti perché i mezzi meccanici non sono adatti allo sfalcio a causa dell’eccessiva pendenza e del frazionamento. 
La parte mediana del territorio comunale di Brez è caratterizzata da una forte pendenza con una fascia trasversale caratterizzata da calanchi ( le lavine bianche che, pur ridotte nella loro estensione rispetto al passato, rendono riconoscibile tale zona fin da lontano) dovuti all’azione erosiva delle acque superficiali. L’estensione dei solchi d’erosione va tuttavia diminuendo e riducendosi ed è più che dimezzata in seguito al rimboscamento, effettuato circa mezzo secolo fa ed alla scomparsa dell’allevamento della capre e delle pecore che proprio qui venivano fatte pascolare. 
Sui fianchi di questa fascia vi sono molte sorgenti, caratterizzate da una portata piuttosto modesta ma costante, che vengono sfruttate in parte per usi civili ed in parte a scopo irriguo. 
Da questa zona, in direzione sud, si dipartono profonde incisioni vallive che si sono formate in seguito all’erosione delle acque. Questi solchi vallivi suddividono il sottostante territorio comunale in diversi tavolati tra di loro separati. In particolare si tratta delle Valli di Arsio, percorse da un rigagnolo denominato Rivo di Foschena, delle Valli di Traversara percorse dal rio Traversara che delimita la distesa semipianeggiante di Brez, Rivo e Traversara, racchiusa da est dalla Val di Boscjati. 
La terza fascia territoriale del Comune di Brez è quella corrispondente alla media ed alta montagna composta prevalentemente da boschi e prati di monte, con matrice geologica costituita da porfidi. Questo territorio, prevalentemente di proprietà comunale da molti secoli, comprende prati di monti e boschi di privati, molti dei quali sono stati riscattati alla fine dell’Ottocento. Qui, la maggior parte dei prati di monte, soprattutto quelli di proprietà censiti del comune di Lauregno, viene sfalciata ogni anno. La parte più a nord è quasi per intero di proprietà comunale; si tratta prevalentemente di zona a pascolo che ospita la Malga di Brez a m. 1846 s.l.m.: sono circa 260 ettari di territorio di cui circa 50 sono classificati pascolo mentre i rimanenti spiazzi a pascolo si trovano all’interno delle aree boscate. 
La parte alta del territorio di Brez è una zona fortemente caratterizzata da grandi e piccole paludi con presenza di strati di torba; con L.P. in data 30.11.1992 sono stati definiti biotopi di interesse provinciale il biotopo denominato “ Palù Longja” e “ Palù Tremol”. Il biotopo “ Palù Longja” costituisce uno dei più rappresentativi ambienti umidi per la sua variabilità e la specificità delle specie vegetali e animali che in questi ambienti umidi trovano condizioni ideali di vita e di riproduzione. Il biotopo “ Palù Tremol” è una torbiera d’ alta quota inserita anch’essa in un contesto ambientale ancora integro, in cui sono presenti tute le principali specie vegetali tipiche. 
Oltre che in territorio catastale il comune di Brez detiene altre proprietà, per lo più pascoli, boschi ed incolti site nel territorio catastale di altri comuni, confinanti e non. Tali proprietà comunali corrispondono ai terreni oltre il torrente Novella denominati Cjampac’ e Coste; il primo, corrispondente a circa 58 ettari, è inserito nel comune di Sardonico- Seio, il secondo, di 9 ettari, in quello di Fondo. Circa 4,6 ettari inoltre si trovano all’interno del territorio catastale di Casetlfondo.